PLC e Dispositivi di Campo

In virtù del tipo di applicazione, Theoresi mette a disposizione un ampio range di prodotti, specificamente progettati per determinate esigenze: PLC con funzionalità avanzate, micro PLC, sistemi di I/O distribuiti e fieldbus controller.

Ecco alcune caratteristiche di ognuno di questi sistemi:

MICRO PLC

PLC compatti, modulari in alcuni casi, non in altri, utilizzati per la gestione di processi legati a macchine OEM.

Caratterizzati da una memoria medio-piccola e con un numero massimo di I/O non molto elevato, possiedono molte funzionalità quali bassi tempi di esecuzione delle istruzioni, funzioni specifiche quali controllo Conteggio/posizione, PID analogico, funzioni matematiche, fuzzy logic e così via.

Spesso hanno la possibilità di comunicare tramite differenti protocolli, tipicamente su mezzo Ethernet o Modbus RTU.

In genere sono utilizzati per il controllo di specifiche macchine industriali, per la produzione e per il controllo dei processi all'interno di infrastrutture.

FIELDBUS CONTROLLER

Per il controllo in tempo reale di una struttura distribuita di dispositivi quali sensori, attuatori, motori elettrici, luci consolle, interruttori, valvole e contattori, l'acquisizione dei dati viene spesso demandata a controllori semplici come i Fieldbus controller i quali non fanno altro che acquisire i dati e trasmetterli in maniera autonoma verso un PLC di supervisione o uno SCADA, tramite un protocollo di rete.

Essi, essendo dei PLC a tutti gli effetti, possono aggiungere elaborazioni sui dati rilevati, fornendo quindi elementari e complesse funzionalità di controllo.


PLC Avanzati

PLC di medio/alta di gamma per applicazioni industriali ed infrastrutture, sono in grado di gestire i processi con alte prestazioni e semplicità d'uso.

Sono caratterizzati da basso tempo di esecuzione delle istruzioni, sistema multitasking di alto livello, interfacce di programmazione/comunciazione evolute (porte USB ed Ethernet per programmazione e HMI).
Supportano la maggior parte dei protocolli di comunicazione diffusi a livesso industriale ed hanno memoria di programma elevata, spesso sono dotati anche di una scheda di memoria a volte di novtevoli dimensioni grazie alle estensioni di tipo PCMCIA.

In genere tali PLC sono utilizzati in specifici settori quali il settore Acque, Oil&Gas, Power ed Infrastrutture, Controllo di processo e forniscono strumenti evoluti per la gestione quali pagine web integrate su tutte le CPU e moduli di comunicazione per controlli da remoto.

PLC per il controllo di processo e soluzioni ad alta disponibilità
PLC per il controllo dei processi continui, batch

Una particolare categoria fornisce funzioni di sicurezza e moduli I/O che garantiscono soluzioni hot-standby Plug and Play ad elevate prestazioni con tastiera LCD per il monitoraggio locale.

Tali PLC in genere garantiscono elevate caratteristiche di espandibilità grazie alla gestione degli I/O Remoti o dei Rack Remoti.

Theoresi fornisce effettua servizi di consulenza e vendita per controllore industriali specializzati in origine nella gestione e nel controllo dei processi industriali.

La struttura del PLC viene adattata in base al processo da automatizzare. Il dimensionamento del PLC viene effettuato selezionando opportunamente le schede adatte alle grandezze elettriche in gioco. Le varie schede vengono quindi inserite sul BUS o rack del PLC.

In relazione alle specifiche esigenze del cliente vengono dimensionati opportunamente:

  • Alimentatore
  • CPU, scelta anche in funzione della funzionalità base di memorizzazione e accesso ad I/O, e della dimesione richiesta dal programma utente
  • Schede di ingressi digitali
  • Schede di uscite digitali
  • Schede di ingressi analogici, scelte in funzione di parametri quali la corrente (mA) ed la precisione espressa con in termini di numero di bit (8-12-14-16 bit)
  • Schede di uscita analogiche (uscita in corrente o in tensione e con una determinata risoluzione)
  • Schede di comunicazione, di seguito i protocolli in genere più utilizzati:
    • RS232
    • RS422/RS485
    • Profibus
    • Profinet
    • DeviceNet
    • Lonworks
    • BACNet
    • TCP/IP
    • Modbus
    • Modbus Plus 
    • Modbus TCP/IP
    • Interbus
    • CANOpen
    • KNX
    • IEC61850
    • IEC 60870-5Schede di conteggio veloce

  • Schede di Conteggio Veloce
  • Schede PID (Proporzionale Integrale Derivativo)

I linguaggi di programmazione supportati sono quelli previsti dalla normativa IEC 1131-3 (aggiornata poi con la "CEI EN 61131-3" o "CEI 65-40" del 1996), la quale ha standardizzato 5 linguaggi di programmazione, di cui 3 grafici e 2 testuali.

I linguaggi utilizzati sono Ladder diagram (LD o KOP) o Linguaggio a contatti, il Sequential function chart (SFC), il Function Block Diagram (FBD o FUP), l'Instruction List (IL o AWL) ed il linguaggio Structured Text (ST).

Ultime Notizie